Raccontato da Valeria Marino

Nei secoli XV, XVI e XVII la pittura veneta viene internazionalmente apprezzata e richiesta in particolare presso le corti imperiali e le signorie. In terra veneta è attivo Giorgione originario di Castelfranco, nell’entroterra, che il Vasari colloca come allievo di Giovanni Bellini da cui riprende il gusto per il colore e l’attenzione per i paesaggi. Vicino agli intellettuali e alle famiglie patrizie da cui derivano molte delle sue commesse, anch’egli affascina con il suo colore e i suoi paesaggi armoniosi che spesso celano o sovrastano il significato criptico delle sue opere.

Ma tra tutti, l’artista veneto più noto e richiesto del periodo è senz’altro il bellunese Tiziano Vecellio, inizialmente anche socio in affari di Giorgione che lo influenzò decisamente, soprattutto nella parte iniziale della sua carriera. Egli, oltre alle doti pittoriche in particolare nella tecnica personale dell’utilizzo del colore, dimostrò anche un’indiscussa abilità nel crearsi un reticolo di conoscenze che lo facevano spesso preferire ai suoi contemporanei per le commesse più importanti.

Nel corso del XVI la Scuola Veneta domina il palcoscenico internazionale arrivando a influenzare quei paesi del nord che inizialmente ne avevano determinato la nascita. Artisti come Paolo Veronese e il Tintoretto divennero un modello di ispirazione per l’Europa di allora, come accadde anche in architettura grazie al genio creativo di Andrea Palladio.

Valeria Marino

è Storica dell’Arte. Laureata a Roma La Sapienza dove collabora da anni con la cattedra di Iconografia e Iconologia; ha pubblicato saggi sulla pittura sacra a Ferrara e sulla decorazione manieristica a Malta. Autrice di cicli di lezioni, conferenze e percorsi itineranti sui grandi temi dell’arte, impegnata da sempre nella divulgazione culturale ad alti livelli. È una collaboratrice storica di Flumen, con cui ha condotto innumerevoli visite guidate, lezioni, gite e viaggi, in Italia e all’estero.

Autrice dei precedenti cicli di video-lezioni Il primo Manierismo, I Fiamminghi primitivi e Natività e Epifania disponibili all’interno della Videoteca online di Flumen.